sabato 8 gennaio 2011

Finding the balance

8 Gennaio, i libri sul tavolo del salotto che aspettano solo di essere aperti, un sonno allucinante, e una strana ed indefinibile sensazione di vuoto che mi tiene in pugno da ieri sera.

Non so se sia l'idea che l'Epifania abbia stemperato il clima di festa che ha permeato le scorse settimane, se è il fatto che esattamente un anno fa ero una persona molto più felice, molto più "piccola" di quanto lo sia ora, o se mi sento così semplicemente perchè sono stanca e vorrei due settimane di ferie da me stessa.

Ho acquisito tante consapevolezze in questi giorni.


Prima tra tutte, che la mia timidezza e la mia riservatezza vengono scambiate per freddezza e superbia. Questo punto di vista è stato causa di fratture profonde nella mia vita.
E’ il mio carattere, purtroppo non sono quella che va in giro a raccontare i fatti suoi a tutti, lo stesso è col blog, io scelgo cosa raccontare, perché ci sono cose che preferisco tenere solo per me.
Ho i miei tempi per tutto, non mi piace che mi si metta fretta e che la mia idea venga condivisa solo per illudermi, quando poi si va da altri a .criticarla.
Sbattermi in faccia questa realtà mi ha lasciato scossa, non ci ho dormito su per due notti.

Sono cresciuta tanto in questi mesi, ho affrontato battaglie che mi sembravano impossibili, e seppur con qualche ferita, sto riuscendo ad uscirne.
Accetto ciò che sono diventata, pur non condividendone completamente determinate sfaccettature, e sono in costante lotta interiore per trovare quell’equilibrio che mi permetta di tenere i piedi ben saldi a terra e di procedere senza incertezze.

Posso essere forte, lo sono stata, lo sono.
E ancora mi sorprendo quando basta un niente a distruggere quello che faticosamente ho ricostruito dopo che era stato fatto in mille pezzi.

14 commenti:

  1. Ciao
    Ho letto un po di quello che scrivi e ci ho trovato sentimento, non mi va di scrivere cose banali tanto per farlo e non ti conosco per poter giudicare e considerare, mi sento solo di condividire con te una cosa che tanti anni fà mia madre mi disse e che mi ha aiutato in certi momenti: " Guido comincerai a diventare adulto quando smetterai a preoccuparti con quello che gli altri pensano di te ed a preoccuparti con quello che tu pensi a tuo rispetto".
    Un bacione
    guido

    RispondiElimina
  2. Ciao sono subito venuta a curiosare dalle tue parti...scrivi delle cose molto belle e il tuo blog è davvero molto carino...se c'è posto io ti seguo volentieri...ah dimenticavo...mi piace molto anche la canzone che hai scelto come sottofondo ;)un abbraccio

    RispondiElimina
  3. @Guido: Il consiglio di tua madre è giustissimo, crescere è imparare a spezzare le catene del giudizio altrui, e sono certa che man mano, l'esperienza acquisita mi aiuterà a maturare molto di più sotto questo punto di vista.
    Grazie! :)

    @Eva: Sei la benvenuta e grazie per gli (immeritatissimi) complimenti!
    Grazie per la visita, a presto! :)

    RispondiElimina
  4. Condividiamo quasi gli stessi sentimenti in questo periodo, leggo...
    Credo che la lotta interiore, anzi, spero, ci possa permettere, un giorno, di guardarci allo specchio e di essere fiere di quello che siamo.
    Nonostante le delusioni e nonostante gli errori.
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Carissima allegra, è sempre un piacere ritrovarti a commentare i miei post! :)
    Never Back Down...dobbiamo far si che questo diventi il nostro motto. Anche quando ci sembra impossibile tornare a galla a respirare ossigeno.
    Sono sicura che qualla boccata d'aria per noi sia vicinissima, dobbiamo solo imparare a mettere noi stesse al primo posto in certi casi.
    Un abbraccio grandissimo!

    RispondiElimina
  6. DeepEyes, grazie ... credo che il ruolo di un blogger sia di raccontare le proprie esperienze/impressioni/pensieri/dubbi per aiutare chi ci legge a riflettere e a cercare senso nelle cose. Trovare l'emozione che il quotidiano nasconde è la sfida di ogni giorno.
    Ciao!

    RispondiElimina
  7. Ciao, perdona la sfrontatezza con cui commento anche se non ci siamo mai "parlate" prima, ma un impulso mi spinge a commentare per il semplice fatto che mi ci sono immedesimata in quelle parole..Soprattutto quando dici: Prima tra tutte, che la mia timidezza e la mia riservatezza vengono scambiate per freddezza e superbiaNon sai quante volte ci ho sbattuto la testa contro queste parole, quanto volte cercavo sempre di accattivarmi le amicizie degl' altri nonostante la mia timidezza, e questo mi portava a cambiare il mio carattere e non sentirmi più me stessa..Cosi col tempo ho capito..Ho capito che non avrei dovuto proeccuparmi se gli altri mi vedavano superba e fredda, perchè erano loro i cechi, era quello che volevano vedere perchè gli faceva comodo, e cosi ho continuato come sono sempre stata, e alla fine c' è stata qualcuno che ha saputo vedere in me cos' era davvero quella timidezza e riservatezza..Questo forse non è neanche un consiglio, ma un suggerimento. Non dare voce a loro, perchè non vedono quello che sei realmente, la vita ti porterà anche se prima o poi, qualcuno che sa vedere.

    Lily

    RispondiElimina
  8. @Loris: grazie a te, e a tutti voi lettori che mi fate sentire la vostra vicinanza attraverso le vostre parole. Scrivere è la mia forza, e voi il mio sostegno, anche quando mi sento così giù da voler sparire.

    @Lily: "Non dare voce a loro, perchè non vedono quello che sei realmente, la vita ti porterà anche se prima o poi, qualcuno che sa vedere."
    Cerco di fare di questa frase, l'ideale a cui ispirarmi ogni giorno, nella speranza di trovare sul mio cammino qualcuno che mi apprezzi senza modificare la mia natura, che fa di me la persona che sono.

    RispondiElimina
  9. beh si puo dire che sei in una fase di stand-by? Anche la mia timidezza viene sempre scambiata per qualcos'altro..dobbiamo farci l'abitudine, l'importante è rimanere sempre se stessi..mai voler assomigliare agli altri solo perchè riteniamo possa piacere una certa immagine...mai lasciare che gli altri decidano per noi...alla prossima e buon anno!! ;)

    RispondiElimina
  10. Esatto Igor, è proprio una fase di stand-by che spero passi presto...rivoglio la mia positività e so che devo trovarla solo dentro me stessa.
    Alla prossima e...auguri anche a te!

    RispondiElimina
  11. E si, la timidezza viene spesso scambiata per freddezza. E' un peccato. Non commento altro di questo post perchè è molto personale ed è il primo commento che lascio.

    Mi ha attirato il titolo del tuo blog :)

    Ma sei sicura sul sottotitolo?

    "ρєя fαяѕι ¢αριяє ∂αℓℓє ρєяѕσиє вιѕσgиα ρяιмα ∂ι тυттσ ραяℓαяє αι ℓσяσ σ¢¢нι"

    Perchè parlare ai loro occhi? Non stona con il titolo del blog? Se è così è una visione un po pessimistica delle persone, non trovi? Per farmi capire forse parlerei ai loro cuori. :)

    RispondiElimina
  12. Infatti lo scopo era proprio creare una contraddizione tra l'una e l'altra frase, e vuole anche essere un monito. Poichè molte cose non appaiono ai nostri occhi, siamo noi che le mettiamo in evidenza. :)

    RispondiElimina
  13. Mille comenti, di mille generi diversi.
    Io posso solo aggiungere che Nerone bruciò Roma per dargli una nuova possibilità.
    Quindi a volte il distruggere tutto è l'occasione per ricostruire tutto meglio è più forte, basta solo rimboccarsi le maniche.
    Forza.

    RispondiElimina
  14. Forse è questo il punto...dovrei trovare la forza di distruggere tutto e ricominciare.

    RispondiElimina