venerdì 17 dicembre 2010

E fuori...nevica (moderatamente)!

E' il 17 dicembre e fuori turbina nel vento qualche fiocco di neve. Evento insolito per chi abita dalle mie parti, visto che il mare riesce comunque a mitigare il freddo, e nella peggiore delle ipotesi si scatena uno di quei temporali con la T maiuscola.

Stamattina avrei dovuto sostenere la mia prima guida (ah si, perchè nel frattempo ho fatto l'esame teorico: promossa!). Appuntamento ore 9.00 fuori l'autoscuola. Mi vesto, sfido il freddo, aspetto la mia compagna di avventura, e congelate come due stalattiti ci incamminiamo verso il campo sportivo. Porta chiusa, avviso di guide rimandate per problemi tecnici (poi dicono che uno è crede alle cazzate come il "venerdì 17"). Conseguenti bestemmie in dieci lingue, attutite da un giro dapprima al mercato, e successivamente in compagnia di alcuni amici a fare dei regali.

I corsi all'università sono terminati. Mercoledì festino felice con i cappelli da Babbo Natale in testa, e giri infiniti dietro gli orefici a Napoli con la convinzione di "tagliare per i vicoletti" pur di non perdere il treno. E così fu che ci perdemmo.

...Siamo sotto Natale, tempo di bilanci e di soldi sempre alla mano. Tutto così diverso rispetto all'anno scorso, forse più sommessi i toni e i colori, meno motivati i gesti, ugualmente qui a chiedermi che ne sarà di me. Eppure sono felice, perchè ho tanto per cui dire grazie. Sono qua, a 18 anni con tanti ostacoli superati e altri ancora da combattere, con le mie lacrime e i miei sorrisi, con i miei libri e i miei mascara colorati, con le castagne calde e lo smalto verde.
Sono qui...e, miracolosamente, ho ancora 20 € nel portafogli.

5 commenti:

  1. Io ne ho dieci di euro nel portafogli!
    COmunque il primo natale da universitaria, non so perchè, ma lo ricordo anche io come un qualcosa di diverso rispetto agli altri...

    Il fatto è che durante quell'anno sono successe tante cose importanti nella mia vita,tanti cambiamenti, tante persone nuove... E presumo sia lo stesso anche per te!

    RispondiElimina
  2. E' vero Chiara, sono successe cose importantissime. Ho accumulato esperienze, ma sono anche caduta e a malincuore ho dovuto lasciare alle spalle persone per me fondamentali. Si cresce, si cambia e questa è la vita. Ma sono fortunata...perchè ho ancora davanti a me la possibilità di cambiare, e chi sa che quest'anno non mi riservi gradevoli sorprese...

    RispondiElimina
  3. si..qualche fiocco l'abbiamo visto anche noi, ma giusto "qualche" eh :)) beh 18 anni..dai come si fa a non essere felice?! voglio tornare pure io a quell'etàààààà! ok..skerzo..mi accontenterei anche di averne meno di 30!! :D buon week-end!

    RispondiElimina
  4. Ahahahah!!! Dai Igor che infondo la giovinezza è principalmente qualcosa di interiore...ci sono giornate in cui anche io mi sento una 60enne piena di problemi. Bast trovare lo spirito giusto e il lato leggero di ogni cosa. In questo l'aria natalizia concilia, no?

    RispondiElimina
  5. verissimo!!! anche se fisicamente a volte gli anni si sentono..oh sia chiaro non ho 60 anni, "solo" 35, però già ho nostalgia dei 20 anni..effettivamente come si suol dire "vengono una volta sola"..ma tu per fortuna hai ancora molto tempo per capirlo e viverlo, e ti consiglio di non sprecarli perchè dopo i 30 cambia tutto :D

    RispondiElimina