mercoledì 17 marzo 2010

martedì 9 marzo 2010

Suffraggette vs Soubrette (???)

Facciamo un salto indietro nel tempo e parliamo del 1903...vi starete chiedendo cosa successe di così importante? E' stato l'anno della fondazione della "Women's Social and Political Union (WSPU)" (Unione sociale e politica delle donne). Le partecipanti a questo movimento furono denominate "suffragette" e, lottarono a lungo per il diritto di voto e per l'affermazione della parità tra i sessi.

Questa premessa per dire che siamo nel 2010 ma dell'emancipazione femminile nn è stato capito un cazzo.

L'8 marzo, giorno in cui si è soliti festeggiare la donna, è diventata una festa consumistica che tutte aspettano con ansia. Va benissimo uscire con le amiche, andare per locali e divertirsi...ma da quando divertirsi è diventato sinonimo di abbigliarsi da puttana e strusciarsi addosso al ballerino seminudo di turno, anke se si hanno 40-50 anni e un marito e dei figli a casa? Posso garantire che di personaggi del genere se ne incontrano molti...signore molto poco vestite, che superano di molto i limiti della decenza, l'8 marzo si moltiplicano ed escono allo scoperto. Una gioia per vecchi papponi che attendono cn ansia la prima disponibile per passare una mezz'ora in totale relax...
Ragazze giovani e belle arrivano con jeans e magliettine, signore di una certa età, mettono in mostra "rotolini" di lardo, e gambe con una pelle che definire "a buccia d'arancia" è dire molto poco.

L'emancipazione femminile insomma è diventata una lotta a chi la mette di più in vetrina.

Non chiamatemi disfattista nè esagerata perchè non è così. Sono semplicemente realista.
Io che potrei anke permettermi, essendo giovane, di indossare una gonna più corta e una maglietta scollata, ieri sera sono uscita col mio ragazzo in jeans e camicia con con cardigan...mentre aspettavo che mi passasse a prendere, ho visto passare per strada un gruppo di signore sulla 40ina di cui addosso si vedevano solo i cappotti (mi auguro che una gonna, anche se "mini", la indossassero...).

CONCLUSIONE: le suffragette hanno lottato per il diritto al voto, oggi si lotta per mettere in mostra il tanga. E poi ci lamentiamo dello stalking...