mercoledì 9 dicembre 2009

Tra sogni e realtà...

Vi sarà capitato qualche volta di sognare un qualcosa che sperate non accada mai, no?

Io di preciso non so cosa ho sognato, ma so solo che i protagonisti erano, anzi eravamo, tre. Quei tre che mai vorrei trovare insieme a trascorrere una serata.
Il sogno aveva contorni imprecisi, sfumati, faceva riferimento a fatti accaduti e a percezioni subconscie...
Detto in altri termini, è un periodo in cui non so come comportarmi e cosa pensare. Inaspettatamente accadono cose stupende, che mi lasciano col fiato sospeso e la sensazione di essere entrata in quei libri di favole in cui la principessa è sempre in pericolo (e che palle!), ma sa che il principe è lì, pronto a salvarla e a concludere pagine e pagine farcite di ansia, con un bel "...e vissero tutti felici e contenti!".

Ma mi chiedo: "Il lieto fine esiste per tutti, o è solo un escamotage per serrare occhi, mente e cuore, nel tentativo di andare avanti?"

Rinunciare, dimenticare...me lo ripeto continuamente che l'unica soluzione per sfuggire al fantasma dei sogni proibiti è questo, ma non sono mai fermamente convinta che agire così porti ad una soluzione. Dico sempre che questo 2009 è stato un anno strano, ricco di sofferenza ma anche di emozioni...l'anno in cui ho capito cosa significa restare per ore incollati al pc in attesa di un trillo o di quel "ciao" che puntualmente, come nella migliore tragedia shakespaeriana che il mio cuore si trovava ad affrontare ogni volta che il silenzio pesava, non arrivava mai.

Sono maturata molto, ma cambiata? Ehhhh...

Ed ora eccomi qui, alle soglie del 2010 con un bel bagaglio di esperienze, tante delusioni, troppe lacrime e l'incertezza su cosa fare, ma la felicità di aver vissuto tutto appieno.

Cedere, andare avanti? Semplicemente aspettare...

Prendere decisioni drastiche non è che serva a molto se la situazione non è ben chiara. E allora meglio avere prima il quadro completo della situazione davanti, capire com'è davvero la gente, e poi decidere. Complicatuccio eh? Soprattutto se in ballo ci sono più persone e non sai come agire, e ricerchi quella spiegazione alla quale, la risposta ricevuta ti sembra rassicurante, ma il dubbio, più forte di te, ti spinge comunque a restare scettico. Ma va bene così...e nonostante in cuor mio, io conosca già la risposta, preferisco continuare ad oscillare tra i miei sogni e le mie speranze...tra tanti lieto fine che mi circondano, alla fine arriverà anche il mio, no? Magari non come me lo aspetto, ma si sa che le cose più belle accadono per caso... :)

2 commenti:

  1. Molto bello il metterti in discussione!
    Il lieto fine esiste sempre? Ho i miei dubbi!

    RispondiElimina
  2. Ti ringrazio per il complimento e spero tanto che non ti dispiaccia se ti dò del tu!
    Sinceramente, credo che sognare e sperare siano la spinta giusta per affrontare ogni giorno la vita col sorriso...perchè tormentarsi col dolore se il pensiero del lieto fine può risollevarci? :)

    RispondiElimina